il futuro e’ gia’ qui. lavoro creativo alla Foxconn

 

"Non è un negozio di dolciumi è una fabbrica ma, perdiana, ha ristoranti, cinema, ospedali e piscine. Per essere una fabbrica è molto carina". – Steve Jobs, amministratore delegato di Apple –

Foxconn Technology Group è un’enorme azienda (800.000 dipendenti in tutta la Cina) che produce componenti elettronici e rifornisce giganti come Apple, Dell, Nokia ,HP, Sony, Nintendo, Intel, Gateway, Cisco, Motorola…Proprieta’ Hon Hai Precision Industry Taiwan.

"Siamo costretti a lavorare per 12 ore al giorno, sei giorni a settimana, assemblando prodotti che non potremo mai comprare".
"È una vita normale, uguale a quella che conducono gli operai nelle altre fabbriche della zona: si lavora, si mangia e si dorme. Niente di più". – operai della Foxconn –

Dall’inizio dell’anno almeno 11 operai si sono suicidati – da gennaio 2010: undici suicidi, due tentativi falliti, sedici sventati e trenta prevenuti dagli psichiatri –

"Non si tratta di una fabbrica di schiavi". -Steve Jobs –
L’azienda ha chiesto un impegno scritto a non suicidarsi e poi ha concesso un aumento di stipendio del 30 per cento, sempre per fermare i suicidi.
I titoli Hon Hai hanno chiuso al ribasso del 4% al livello più basso negli ultimi nove mesi, 1,3% in meno per mentre i titoli Foxconn hanno perso l’1,4% a Hong Kong.
L’aumento dei salari secondo Jp Morgan potrebbero ridurre del 10% i profitti di Hon Hai.

Agitazioni per aumenti salariali sono in corso in tutto il sud industrializzato della Cina.

“Sebbene ogni suicidio sia tragico, il tasso di suicidi di Foxconn è ben più basso rispetto alla media cinese. We are all over this” ( la media nazionale cinese e’ di 16 suicidi per 100mila lavoratori) – Steve Jobs, amministratore delegato di Apple –
“Cosa significa ‘we are all over this’? Come indagini? O chi se ne importa? […] Quando sono stato licenziato per avviare un sindacato, comprai il mio primo Mac. Ho sempre pensato che Apple fosse responsabile socialmente. Ho persino smesso di fumare per acquistare un iPad. Forse dovrei ripensarci. Specialmente se sei sopra “over” 12 morti”. – Jay Yerex, ammiratore di Apple e di Steve Jobs –

Apple oggi gira alla Foxconn il 2.3% degli introiti derivanti dalla vendita dei propri prodotti usciti dagli stabilimenti del gruppo orientale. Tale percentuale potrebbe salire però al 3% riconoscendo così un simbolico premio di produzione ai dipendenti.

"E’ stato chiesto di firmare una lettera in cui gli operai promettono di non suicidarsi e anche ad acconsentire di esser mandati in istituzioni psichiatriche se cominciano ad apparire in <uno stato mentale o fisico abnorme>: una scelta: <per il mio bene e quello degli altri>". – Foxconn ai dipendenti –

"Apple si impegna a garantire che le condizioni alle sue catene di produzione siano sicure e che i dipendenti siano trattati con rispetto e dignita’. Un team di Apple sta valutando le risposte che hanno dato a questi tragici eventi e continueremo le nostre ispezioni nelle fabbriche dove vengono assemblati i nostri prodotti". – Ma si e’ rifiutato di chiarire se anche gli iPad, come l’iPhone, siano assemblati negli stabilimenti di Foxconn –

A Hong Kong, i sindacati hanno invitato a boicottare le nuove generazioni di iPhone, assemblati dalla Foxconn.
Nella fabbrica vengono prodotte componenti di PlayStation 3, Xbox 360, Wii, iPod, iPhone e iPad…
“Nel 2008 abbiamo stabilito le Nintendo CSR Procurement Guidelines. Chiediamo che tutti i nostri partner, incluso Foxconn, seguano queste linee guida basate su leggi e standard internazionali." – Nintendo –

This entry was posted in Generale. Bookmark the permalink.

2 Responses to il futuro e’ gia’ qui. lavoro creativo alla Foxconn

  1. In my opinion you commit an error. I suggest it to discuss. Write to me in PM, we will communicate.

  2. Pingback: lastactionseo | lastactionseo - der letzte SEO

Comments are closed.